Detrazioni bonifica amianto: arrivano dal 2014

Le detrazioni fiscali per la bonifica dell'amianto in arrivo dal 2014


Un notevole passo avanti sulla strada, molto lunga ma da percorrere, di una completa bonifica dell'amianto nel nostro Paese, è stata fatta dal governo con il decreto legge 63/2013. Il decreto estende infatti, dal Gennaio 2014, le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni e l'efficienza energetica, anche agli interventi di bonifica dell'amianto.

Già questa di per sé è un'ottima notizia, ma riguardo a tali disposizioni, che rientrano in un pacchetto di provvedimenti conosciuto come Ecobonus, ci sono alcuni ulteriori interessanti aspetti da rilevare. Il primo è l'aliquota che è stata fissata per la detrazione dall'IRPEF, e che è ben del 65% della spesa sostenuta per l'intervento di bonifica dell'amianto, sicuramente quindi un ottimo incentivo. La seconda è che il governo si è impegnato a prolungare le agevolazione dell'Ecobonus sino ad almeno il 2020, cosa che le renderà di fatto "strutturali".

Sono queste tutte ottime ragioni per credere che nel prossimo futuro il nostro Paese vedrà moltiplicarsi gli interventi di bonifica dell'amianto che, soprattutto sottoforma di eternit, è ancora presente in modo massiccio in innumerevoli fabbricati.

Un'altra cosa sicuramente positiva è il fatto che l'Ecobonus prevede agevolazioni anche per gli interventi volti al risparmio energetico e a quelli di realizzazione di misure antisismiche negli edifici. Tutto questo pare sottolineare come nel nostro paese l'attenzione verso le tematiche ambientali ed ecologiche sia sempre maggiore, anche presso molti di coloro, in questo caso i politici, che in passato avevano purtroppo avuto per tali argomenti molto poco interesse.

C'è poi da fare anche una considerazione di natura economica. Con l'Ecobonus il governo fornisce anche una notevole spinta al settore edilizio, che è quello che probabilmente ha più sofferto la lunga crisi economica in cui ancora ci troviamo. Grazie agli incentivi suddetti gli interventi di ristrutturazione, efficientamento energetico e bonifica dell'amianto, avranno probabilmente un sensibile aumento. Cosa questa che contribuirà a ristabilire, anche se solo in parte, quel potere occupazionale che il settore dell'edilizia aveva prima della crisi.