Amianto nelle scuole: il 29 Giugno importante udienza

28/06/16

Il 29 Giugno avrà luogo la prima udienza in Italia concernente l'amianto nelle scuole. L'udienza che avrà sede nel Palazzo di Giustizia di Novoli è il punto di arrivo di una denuncia fatta da un professore deceduto a seguito di un tumore causato dall'amianto, e che per anni aveva insegnato all'Istituto ITI Leonardo da Vinci di Firenze.

L'istituto in questione era finito sulle pagine di tutti i giornali dopo che il preside aveva appeso dei cartelli che vietavano sbattere porte, appendere quadri, urtare le pareti e altre azioni che potevano smuovere l'amianto presente nell'istituto e diffonderlo nell'ambiante.

La futura udienza dovrà decidere se dare ragione a chi, come ad esempio il Comitato dei genitori degli alunni esposti ad amianto dell'Ona (L'Osservatorio Nazionale Amianto), ha chiesto che il caso non sia archiviato, come era stato invece richiesto dal pm Massimo Bonfiglio. A sostenere la causa della non archiviazione, sarà l'avvocato Ezio Bonanni, che chiederà l'approfondimento sui fatti, anche con il fine di arrivare alla bonifica dell'intero istituto dall'amianto. Al riguardo l'avvocato Bonanni afferma che non riesce a comprendere come chi si dice a favore della prevenzione e della lotta all'amianto e ad altri fattori dannosi per la salute dei cittadini, come fanno gli amministratori della Provincia di Firenze e del Comune di Firenze, possa poi lasciare che un'intera scuola rimanga da bonificare proprio da una sostanza pericolosa quanto l'amianto.

Benché questo caso sia particolarmente importante, per il suo carattere giudiziario, non è però certo l'unico riguardo l'amianto nelle scuole. Stando ad esempio al rapporto del RENAM, il Registro Nazionale dei Mesoteliomi, pubblicato dall'INAIL, si contano ben 63 casi di mesoteliomi tra il personale scolastico docente e non docente. Cosa ancora più notevole se si considera che un dato del genere non fotografa la realtà nel suo complesso, dato che il mesotelioma è solo una delle neoplasie provocate dall'amianto, che provoca inoltre altri tipi di patologie di origine non neoplastica, quali asbestosi, placche pleuriche, ispessimenti pleurici, che a loro volta causano complicazioni di natura respiratorie e cardiocircolatoria.

Dopo l'udienza, l'Osservatorio Nazionale Amianto terrà una conferenza in cui si commenterà l'udienza stessa e si renderanno pubblici alcuni dati riguardo alla presenza di amianto nelle tubature dell'acqua della provincia, in diversi siti industriali e nei lavori per l'ampliamento dell'aeroporto di Firenze. Tali questioni saranno poi discusse in un'assemblea pubblica alle ore 17:00 presso sede dell'Ona a Firenze, in Via Pratese 48.